Una passeggiata nei terrazzi e nelle campagne a raccoglier erbe.

Se penso ad ottobre le prime parole che mi vengono in mente sono freddo, ritorno dell’ora solare, nubi e grigio (e anche un po’ piumone). Un mese di passaggio, di color bruno con sfumature ocra; l’estate è lontana, le giornate si accorciano e la nostra voglia di giardinaggio è finita in soffitta. Niente di più sbagliato perché in autunno la natura ci regala tantissimi doni e colori ed ottobre è un mese attivo per noi contadini urbani.

erbe officinali

L’autunno è la stagione dei frutti ma anche del distacco da ciò che non serve più. Le piante cedono gli ultimi frutti, perdono le foglie ed iniziano ad asciugarsi, preparandosi a conservare l’energia per il rigido inverno. Proprio per questo le parti più ricche di principi attivi delle piante sono i bulbi, le cortecce, le radici e i frutti. Val la pena quindi provare a raccogliere queste parti “sotterranee”  per preparare ottimi infusi e decotti utili a curare i mali di stagione. Molte di queste piante sono coltivabili in vaso in terrazzo o in giardino. Se già non l’avete fatto, vi consiglio di cimentarvi nella coltivazione di queste erbe officinali per conoscere nuovi gusti da utilizzare in cucina.

erbe officinali

Per la raccolta dovrete seguire alcune regole base.

  1. Le erbe vanno raccolte in luoghi puliti e poco inquinati in modo da scongiurare il pericolo di contaminazione delle stesse con sostanze tossiche (pesticidi, metalli pesanti, funghi e muffe). Evitate quindi aree vicine alle fabbriche o luoghi densamente trafficati; se siete già amanti del genere e le avete in vaso, premuratevi di coltivarle in un terrazzo che non affacci direttamente su strade densamente trafficate. In ogni caso lavatele accuratamente.
  2. Rispettate sempre la stagionalità nella raccolta ovvero a seconda del periodo cambiano le parti della pianta da raccogliere e le piante stesse che vanno colte. Così facendo per ogni stagione dell’anno raccoglierete le parti più ricche di principi attivi. Ricordatevi che la Natura produce piante ed erbe in stretta relazione con un determinato periodo dell’anno.

Erbe officinali

Ecco quindi un elenco di raccolta autunnale:

Legenda:

V= adatta anche in vaso

BACCHE DI:

  • Alloro, ottobre-novembre V;
  • Ginepro, ottobre – novembre V;

CORTECCIA DI:

  • Castagno, ottobre;
  • Ippocastano ottobre – novembre (anche semi);
  • Olivo ottobre – novembre;
  • Melograno settembre -novembre (corteccia della radice e semi);
  • Prugnolo ottobre – novembre;

FIORI DI:

  • Ninfea, ottobre;
  • Prezzemolo, maggio – ottobre V;
  • Topinambur, ottobre – novembre V;

FOGLIE DI:

  • Finocchio selvatico, aprile – ottobre V;
  • Gelso nero, ottobre;
  • Ginepro, aprile – ottobre V;
  • Ninfea, ottobre;
  • Nocciolo, settembre – ottobre;
  • Sorbo degli uccellatori, luglio  – ottobre;

FRUTTI DI:

  • Castagno, ottobre- novembre;
  • Melo, settembre- novembre;
  • Mirto, ottobre – gennaio;
  • Nespolo, novembre – dicembre;
  • Noce, ottobre;
  • Nocciolo, settembre -ottobre;
  • Prugnolo, ottobre – novembre;
  • Sorbo degli uccellatori, luglio – ottobre;

GHIANDE DI:

  • Rovere, settembre – ottobre;

RADICI DI:

  • Acetosa, ottobre V;
  • Altea, ottobre;
  • Angelica, settembre-ottobre;
  • Barba di becco, settembre – ottobre;
  • Bardana, ottobre V;
  • Carlina, ottobre – novembre;
  • Cicoria, settembre – ottobre V;
  • Finocchio selvatico, settembre – ottobre V;
  • Fragola, settembre – ottobre V;
  • Genziana  maggiore, settembre – novembre V;
  • Liquirizia, settembre – ottobre V ;
  • Olmaria, settembre – ottobre;
  • Prezzemolo, ottobre – novembre V;
  • Primula, ottobre – novembre;
  • Pungitopo, ottobre – novembre V ;
  • Rafano, ottobre – novembre V;
  • Saponaria, ottobre – novembre;
  • Sedano di monte, ottobre – novembre V;
  • Tarassaco, settembre – ottobre V;
  • Tormentilla, ottobre – novembre;
  • Valeriana, ottobre – novembre V;

RIZOMA DI:

  • Gramigna, settembre – ottobre;
  • Ninfea, ottobre;
  • Rabarbaro, ottobre – novembre V;
  • Tormentilla, ottobre – novembre;
  • Valeriana, ottobre – novembre V;

INTERA PIANTA:

  • Corbezzolo, ottobre – gennaio V;
  • Pimpinella maggiore, ottobre – novembre;
  • Valerianella, novembre – marzo,

GEMME E PINOLI:

  • Pino marittimo, settembre – ottobre;

CAPOLINO FIORITO, SEMI, PANELLI:

  • Cartamo, settembre – ottobre.

Successivamente vi racconterò come essiccare le parti raccolte e l’utilizzo in erboristeria!

Buon lavoro!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...